Cosa sono le terze d'ottava?

Nel mondo dell'audio e dell'acustica definiscono un ulteriore metodo di suddividere lo spettro sonoro in bande, con maggiore dettaglio rispetto alla descrizione per ottave.
Detto con parole più semplici è un modo di suddividere le frequenze in gruppi più piccoli rispetto al metodo delle ottave. Una banda d'ottava contiene come prevedibile tre bande di terze d'ottava.

Si chiamano con i valori nominali a centro banda in Hertz: in realtà il valore a centro banda esatto è sempre leggermente diverso da quello nominale. La ISO R 266 ne specifica il valore come:

fc = 10^(n/10) [Hz]

dove fc è il valore a centro banda esatto ed n è il numero di banda.

In allegato si porta un pdf che chiarisce questi concetti: vi si legge il centro di banda nominale (quello con cui vengono chiamate normalmente), il centro banda effettivo, e i limiti di banda (inferiore e superiore);
per completezza si ripetono i concetti per le bande d'ottava.

Molte apparecchiature (sopratutto di equalizzazione e di analisi sonora) lavorano usando questo dettaglio di suddivisione dello spettro, il motivo è legato alla storia dell'elettronica dell'audio, oggigiorno esistono analisi più accurate, come l'FFT.
L'acustica le usa spesso in fase di progettazione, mentre quando si misurano e analizzano sistemi reali (come il punto e la zona d'ascolto di un buon impianto per il missaggio e perl'audiofilia), essi non bastano.

Terze e note

Guardando la figura si vede come dentro ogni banda di terza d'ottava ci siano 4 semitoni, si ricordi che le persone con orecchio assoluto distinguono chiaramente i quarti di tono.
Si deduce quindi come l'analisi per terze d'ottava sia uno strumento alquanto grezzo e ormai antiquato.

AttachmentSize
schema_terze_d_ottava.pdf34.87 KB