Chiarimenti 2014 - i requisiti acustici passivi nelle ristrutturazioni per il pubblico

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici si è da poco espresso sull'applicazione del DPCM 5/12/97.
Trovate allegato il testo del parere tecnico in cui si conferma che il decreto va applicato anche nel caso di ristrutturazionidi edifici pubblici. Si aggiunge inoltre che nel caso di edifici multifunzione è opportuno usare i limiti più stringenti, non solo per l'isolamento di facciata ma anche per gli altri limiti.

Questo parere si allinea con molte sentenze dei giudici e con quanto chiede già la regione Lombardia nella Legge Regionale 13/2001 per qualsiasi tipo di ristrutturazione: ogni volta che si modifica un elemento dell'edificio lo si deve aggiornare allo stato dell'arte tecnico, dal punto di vista acustico oggi significa superare i limiti acustici del DPCM 5/12/97.
Il governo offre l'incentivo fiscale anche per le opere di contenimento dell'inquinamento acustico, il 40% per investimenti fatti anche nel 2016. Di fatto richiede che le opere siano certificate, quindi che le opere siano seguite da un tecnico esperto di acustica.

Se siete un privato cittadino o un impresa o un professionista che si sta cimentando in una ristrutturazione il nostro consiglio è di non sottovalutare l'aspetto acustico: intervenire fin dalle prime scelte progettuali permette di spendere poco, dover mettere mano dopo significa avere costi elevati e rischiare delle cause civili dai compratori.

AttachmentSize
acustica-csllpp-parere-su-finestre.pdf56.97 KB