Classificazione acustica degli edifici

La norma tecnica UNI 11367 sulla classificazione acustica degli edifici è stata pubblicata nel luglio 2010, ha oggi un carattere di tipo volontario, si attende un decreto che aggiorni la materia dell'isolamento del rumore anche dal punto di vista legislativo anche se oggi non ci sono certezze o date precise in merito. Finora è circolata solo una bozza del decreto di cui trovate un link alla fine della presente e le ultime indiscrezioni dicono che si vuole chiedere una nuova delega per finalmente aggiornare la materia.

Dal punto di vista legale nel 2010 era in vigore la proroga per permettere al governo di modificare il precedente DPCM 5/12/97 sui requisti acustici passivi degli edifici, questa proroga è scaduta ormai da tempo.

La classificazione acustica si basa su collaudi fonometrici in opera a fine lavori e definisce dei limiti sull'isolamento acustico e sul rumore degli impianti per edifici destinati ad abitazioni, uffici, alberghi, negozi, ambienti di culto o ricreativi, aggiunge anche delle informazioni per quanto riguarda gli ospedali e le scuole.
La norma prevede comunque che le metodologie di classificazione acustica per i nuovi edifici seguano tutte le moderne norme tecniche progettuali di calcolo (serie UNI EN 12354 e UNI/TR 11175) e richiede quindi uno studio previsionale con calcoli e analisi approfondite all'inizio del progetto dell'edificio, possono essere previsti dei controlli sulla posa in opera e misurazioni intemedie (collaudi provvisori) come avviene nei paesi europei più avanzati da anni.
Il meticoloso lavoro tecnico e scientifico del gruppo UNI ha diviso gli edifici in 4 classi di prestazione di isolamento acustico per prestazioni ottime, buone, basilari e modeste in base alle capacità dei pacchetti di isolamento e del rumore degli impianti (classe I, II, III, IV) e ha definito limiti specifici per alberghi e ospedali in un'appendice apposita.
Queste classi non sono vincolate al clima acustico della zona in cui è costruita la casa, ma la norma da dei suggerimenti in appendice, ovviamente in zone rumorose si suggerisce di costruire in alta classe acustica soprattutto per quanto riguarda l'isolamento di facciata.

Quando la classificazione acustica diventerà necessaria per ogni unità immobiliare, il certificato acustico verrà rilasciato sulla base di prove in opera e di una procedura di mediatura sui vari parametri misurati sul campo su un campione di elementi dell'edificio (non sono misurati tutti gli elmenti e tutti gli appartamenti perchè altrimenti il lavoro di misura durerebbe settimane).
Le imprese edili e gli acquirenti interessati possono già richiedere l'applicazione della norma UNI che oggi ha valore tecnico ufficiale; il comune di Parma per esempio ha anticipato tutti richiedendo già l'applicazione al rilascio dell'agibilità.

Gli oppositori della classificazione oggi sono soprattutto quegli imprenditori che la considerano un impedimento, un cambiamento che modifica lo status quo e una spesa in più. In realtà essa sarebbe a nostro avviso un'occasione di rinnovamento e di miglioramento della qualità per tutto il comparto edile. Il costo dei materiali per una costruzione in una buona classe di merito incidono per il 3-4%(numerosi studi dell'Associazione Italiana di Acustica lo hanno dimostrato) sul costo del costruito, l'incidenza finale comprendente le spese di progettazione e di verifica peserebbe meno dell' 1-2% sul prezzo di vendita finale, ma sarebbe una garanzia di qualità del 'manufatto casa' e per la vita per l'acquirente che vi andrà ad abitare.

La classificazione acustica è quindi una opportunità per gli imprenditori che desiderano essere moderni e dimostrare la qualità del loro prodotto, il nostro studio di ingegneria ha l'esperienza per supportare l'impresa edile e i progettisti in tutte le fasi importanti per la classificazione acustica dell'edificio:

- progetto (calcolo previsionale, layout delle stanze e degli impianti, scelta dei pacchetti di isolamento e degli impianti);
- acquisto dei materiali e interfaccia coi fornitori (distributori materiali, impiantisti, serramentisti, etc.);
- posa in opera (assistenza alla d.l. nei momenti più importanti, collaudi parziali);
- collaudo finale e certificazione.

Lo staff di suonoevita è a vostra disposizione per domande in merito e offre l'esperienza e i servizi dello studio di ingegneria specializzato sul suono e il rumore in edilizia e nell'ambiente per avere progettazioni, misure in opera, certificati, perizie e consulenze aggiornate a prezzi diversificati.

Contattateci con le vostre domande in merito.

Approfondimenti:

Servizi alle imprese e agli studi professionali
Agevolazioni agli iscritti all'unione confcommercio di Milano Monza e Brianza.
Bozza nuovo decreto sulla classificazione degli edifici
Informazioni sulle verifiche in opera dei valori di isolamento.
La pagina del sito UNI.
Schema di decreto legislativo.
Voci contrarie ai limiti della classificazione.
Alcune nostre referenze.