Come percepiamo la riduzione e l’aumento del livello sonoro?

Premetto che la percezione del suono cambia molto da soggetto a soggetto, anche durante la vita di una singola persona, e varia a seconda della frequenza, come gran parte dei concetti di pscicoacustica questo discorso va fatto riferendosi a una risposta media su un campione di numerose persone. Tuttii libri di testoci dicono che riusciamo a notare una minima differenza di ‘volume’ solo aumentando o diminuendo il livello sonoro di 3 deciBel, siamo certi di una differenza quando lo scarto è di 5 dB, il raddoppio invece è percepito con una variazione di 10 dB.
Ricordiamo che l’udito non si comporta in maniera lineare, la scala logaritmica dei deciBel però ci aiuta a descrivere il fenomeno con numeri semplici, ad ogni aumento di 10 deciBel il segnale è percepito avere un 'volume' doppio.

Facciamo un excursus e prendiamo ad esempio il limite di isolamento imposto dal DPCM sui requisiti acustici passivi degli edifici del 5-12-97 (in allegato) alle pareti divisorie tra due abitazioni adiacenti: esso è di 50 dB, pari a una riduzione in termini di percezione dell'intensità sonora a cinque volte la metà il valore originario, 2^-5 ovvero un trentaduesimo, in termini di percentuale è come dire una riduzione di pressione sonora di quasi il 97%.
Questo esempio ci serve a notare come sia in realtà fuorviante e sbagliato parlare di percentuale di abbattimento o di isolamento di un suono: sono i decibel ha dare un valore confrontabile con il comportamento del nostro udito.

Se guardiamo la tabella riassuntiva dei valori dei decibel notiamo che il valore di legge è più che sufficiente ad abbattere suoni quotidiani ma fastidiosi come una sveglia o un televisore ad alto volume, ma non sempre è abbastanza da risolvere il disturbo di suoni musicali o rumori di carattere industriale che richiedono interventi speciali, soprattutto quando i possibili disturbati sono a poca distanza.
Purtroppo questa realtà vale per la costruzione di case nuove o di ristrutturazioni, laddove il comune di residenza obblighi il rispetto della legge in questione, ma non è diffusa nella vita quotidiana di tanti Italiani che vivono e lavorano in condomini costruiti prima dell'applicazione della legge stessa.

Quando ci siano dei dubbi e si vogliano avere delle certezze solo le misure del parametro R'w, il potere fonoisolante apparente (in opera) della partizione, da il responso finale sul fatto che il limite imposto dalla legge sia stato conseguito e rispettato.

AllegatoDimensione
dpcm 5 12 97 requisiti acustici.pdf23.6 KB