Comportamenti per limitare il disturbo da rumore nelle abitazioni.

Prima di pensare a insonorizzare le stanze per i rumori provenienti dal vicinato sarebbe opportuno che tutte le persone che abitano in condominio applicassero delle semplici norme di civile comportamento.
I limiti di isolamento richiesti dalla legge italiana per le nuove costruzioni sono infatti severi ma non sempre bastano a eliminare certi disturbi, le case vecchie inoltre hanno spesso delle capacità fonoisolanti molto limitate e delle semplici modifiche della vita quotidiana possono togliere noie più severe a noi e ai nostri vicini, soprattutto se fatte per tutelare il riposo notturno (il buon senso suggerisce 22 - 7 in settimana e 24 - 9 il weekend, le regole del condominio a volte specificano gli orari anche per il pomeriggio).

Ecco una lista di comportamenti corretti che si dovrebbero tenere:

- non usare scarpe con il tacco su pavimenti nudi (i tappeti o moquette aiutano a diminuire questi disturbi);
- non suonare, ascoltare la tv o lo stereo ad alto volume, meglio usare delle cuffie la notte, regolare gli apparecchi di modo che non abbiano troppi bassi;
- mettere dei feltrini sotto le sedie e sotto i mobili che si spostano più frequentemente;
- oliare le porte, le persiane, le tapparelle che cigolano e mettere delle guarnizioni di gomma o dei rallentatori su quelle che sbattono;
- isolare gli elettrodomestici con piedini antivibranti, e non usarli nelle ore notturne o nel primo mattino se creano molte vibrazioni o rumore;
- non tagliare il prato o la legna di primo mattino il sabato e la domenica;
- non giocare a palla o andare coi pattini o creare rumori molesti per il gioco dei bambini;
- i cani dovrebbero essere addestrati a non abbaiare in modo continuo ed esagerato;
- non sostare a parlare ad alta voce sotto le finestre delle abitazioni.

Oggigiorno i concetti di libertà e di tolleranza si contrastano su questo tema, ma prendere esempio da alcune popolazioni Europee potrebbe migliorare la qualità della vita anche nel nostro.