Misurare le emissioni acustiche delle macchine

La Comunità Europea obbliga i produttori di macchinari a indicare nella scheda tecnica l’emissione sonora dei loro prodotto – Direttiva 2006/42/CE del 17 maggio 2006 (detta nuova direttiva macchine) al punto u.

Tale direttiva è entrata in vigore in tutta Europa il 29 dicembre 2009, è stata recepita ed attuata per l'Italia mediante il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17 (pubblicazione del 19-2-2010 Supplemento ordinario n. 36/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 41)
Spesso anche per gli studi di impatto acustico e per studiare un piano di attenuazione all’esposizione al rumore dei lavoratori (PARE) è necessario studiare l’emissione dei macchinari.

Citiamo cosa dice il decreto:
PUNTO u) si devono riportare le seguenti informazioni relative all'emissione di rumore aereo:
— il livello di pressione acustica dell'emissione ponderato A nei posti di lavoro, se supera 70 dB(A)- se tale livello non supera 70 dB(A), deve essere indicato;
— il valore massimo della pressione acustica istantanea ponderata C nei posti di lavoro, se supera 63 Pa (130 dBC rispetto a 20 μPa);
— il livello di potenza acustica ponderato A emesso dalla macchina, se il livello di pressione acustica dell'emissione ponderato A nei posti di lavoro supera 80 dB(A).
I suddetti valori devono essere o quelli misurati effettivamente sulla macchina in questione, oppure quelli
stabiliti sulla base di misurazioni effettuate su una macchina tecnicamente comparabile e rappresentativa
della macchina da produrre.
Quando si tratta di una macchina di grandissime dimensioni, invece del livello di potenza acustica ponderato A possono essere indicati livelli di pressione acustica dell'emissione ponderati A in appositi punti intorno alla macchina.

Lo studio Suonoevita può eseguire le misure a norma ISO presso la sede del cliente e redigere i certificati che dichiarano i valori di emissione sonora in pressione e/o in potenza. Contattateci spiegando le vostre esigenze.