Sto allestendo un piccolo studio in una stanza 4 x 4 x 3 m, ho notato che i bassi rimbombano anche se ho usato il bugnato.

Purtroppo le dimensioni uguali di lunghezza e larghezza non ti vengono in aiuto, la stanza tende infatti a risuonare ancora di più alla maggioranza delle sue frequenze di risonanza.
Ricordati che i materiali fonoassorbenti classici non lavorano a sufficienza a partire dalle frequenze inferiori ai 400 Hz a scendere (NB essi sono suoni comunque importanti anche nel parlato) e quindi il rimbombo che senti è dovuto proprio al fatto che non hai corretto la risposta a bassa frequenza del tuo studio.

La soluzione è usare un trattamento specifico delle pareti per addomesticare tali risonanze e togliere quindi energia alle componenti gravi del riverbero: si possono usare numerosi tipi di 'trappole' per le basse frequenze, già quelle economiche faranno notare una differenza ma l'ideale è di averle progettate e posizionate specificatamente per il tuo singolo caso.
Uno studio tecnico basato su delle misure acustiche può far risparmiare il numero di elementi e le tecniche necessarie ottimizzandone il numero e disposizione.

I risultati migliori si hanno con stanze sufficientemente grandi, dopo uno studio accurato sui propri studi radiofonici la BBC definì come problematiche le stanze sotto i 43 metri cubi di volume: si deve quindi tenere a mente che come in altri campi la tecnologia offre miglioramenti ma non l'eliminazione dei problemi laddove la natura impone le sue regole ferree. Nel tuo caso, anche se 4 m x 4 m = 16 metri quadrati non rappresentano una stanza piccolissima, siamo poco sopra il limite appena esposto (16 mq x 3 m = 48 metri cubi).