Com’è la scala dei valori di pressione sonora in deciBel?

E’ utile avere a mente a che ‘volume sonoro’ si riferiscono i valori comunemente trovati sui giornali, su internet, sui testi tecnici, misurati in deciBel (detti anche dB per contrazione). Si riporta quì sotto una tabella con alcuni esempi di suoni presi dalla vita quotidiana, essi permettono di avere un utile riferimento pratico ed empirico della scala dei valori coinvolti (cliccateci sopra per vederla a dimensioni intere).

Tabella dB

Si noti il livello di pericolosità per l'udito descritto sulla colonna colorata di destra: si ricorda che la legge obbliga le protezioni sopra gli 85 dB medi sulle otto ore lavorative, esso è quindi un limite da tenere ben presente se si vuole salvaguardare il proprio udito.

Molto spesso sono riportati i valori espressi in dB(A): i deciBel 'puri' (quelli registrati dai fonometri in base alla definizione fisica di deciBel) vengono modificati e denominati in questo modo per renderli vicini alla nostro modo di percepire il 'volume' sonoro, il nostro udito infatti non percepisce tutte le frequenze con la stessa intensità, ma predilige quelle più importanti per comprendere il parlato ed è meno sensibile alle basse frequenze.

La legge Italiana definisce i limiti di inquinamento acustico usando i valori di livello equivalente espressi in dB(A).