La previsione di impatto acustico viene richiesta per nuove attività, nuovi impianti, ampliamenti di attività, nuove strade o varianti in cui sono presenti fonti di rumore.Si applica la legge quadro 447/95 e la zonizzazione acustica comunale. Deve essere fatto per i progetti sottoposti a valutazione di impatto ambientale (vedi legge quadro nazionale 447/95 articolo 8 comma 1), sempre nel caso di AUA, i comuni sono tenuti a richiederlo per la realizzazione, modifica, potenziamento delle seguenti opere (articolo 8 comma 2):

a) aeroporti, aviosuperfici, eliporti;

b) strade di tipo A (autostrade), B (strade extraurbane principali), C (strade extraurbane secondarie), D (strade urbane di scorrimento), E (strade urbane di quartiere) e F (strade locali), secondo la classificazione di cui al D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (14), e successive modificazioni;

c) discoteche;

d) circoli privati e pubblici esercizi ove sono installati macchinari o impianti rumorosi;

e) impianti sportivi e ricreativi;

f) ferrovie ed altri sistemi di trasporto collettivo su rotaia.

Molte regioni specificano altre situazioni in modo più dettagliato, per esempio:

- nel caso di rilascio di concessioni edilizie relative a nuovi impianti ed infrastrutture adibiti a:

- attività produttive, sportive e ricreative

- a postazioni di servizi commerciali polifunzionali,

- nel caso di provvedimenti comunali che abilitano alla utilizzazione dei medesimi immobili ed infrastrutture,

- nel caso di licenza o di autorizzazione all'esercizio di attività produttive (anche i subentri).

- permessi in deroga per cantieri

- permessi in deroga per eventi, spettacoli musicali SPIEGA

Molti comuni chiedono anche una valutazione di impatto acustico con studio di bonifica a esercizi e attività esistenti quando sorgono problemi con il vicinato: ciò è spesso concordato con gli uffici ARPA prima di fargli eseguire un controllo, è sempre obbligatorio dopo un controllo di ARPA che ha dimostrato l'inquinamento acustico oltre i limiti di legge.

Dal febbraio 2012, col decreto 227 esiste per il titolare la possibilità di autocertificare la previsione di impatto acustico: questo vale solamente se si è certi di non inquinare col rumore perché altrimenti si rischia anche una causa penale.  La Regione Lombardia nel 2014 e nel 2017 ha indicato 3 tipi di locale pubblico per cui il titolare può autocertificarsi chiarendo quando invece è obbligatorio chiedere aiuto a un tecnico acustico.

other services

why you will choose our service

Phasellus fringilla suscipit risus nec eleifend. Pellentesque eu quam sem, ac malesuada leo sem quam pellente. Awesome sliders give you the opportunity to showcase your content.

  • Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit.
  • Adipisci blanditiis delectus deserunt dolorem
  • Impedit inventore itaque iure libero maiores simso.

clients speak for us